Josef Weiss, or – from Switzerland with love (for fine printing!) – by Giorgio Matticchio

 IMG_6103

 English and Italian Version: 

Interview – Colophon, IT

Josef Weiss, ovvero dalla Svizzera con amore (per la bella carta stampata) di Giorgio Matticchio

 

Josef Weiss, or – from Switzerland with love (for fine printing!)

 

Azione! Azione! Azione! If a bunch of advertising hoardings bother you with this urging to movement, don’t worry, very likely you are passing through the delightful corner of Italian Switzerland better known as Canton Ticino. And the word “Action” has a meaning quite different from the one that occurs to all of us fanatics of the moving image. For the Swiss of Ticino, “Azione!” just means “Sale”, or “Price Reductions” 

And why am I telling you about this piece of Italo-Swiss linguistic trivia?                              

The fact is that I’m on my way to Mendrisio, a place not far from Lugano, and this is where I shall find someone well known to fellow workers not only all over Europe but also overseas in Australia and New Zealand, but how can I describe what he does: Book binder? Restorer of ancient books? Editor of refined art editions? Printer? We are going to check out who Josef Weiss – the larger-than-life figure of fine printing – really is.

As is obvious from his name, Josef Weiss could only be born in the German-speaking part of Switzerland, and this happened in 1944 at Romanshorn in Canton Turgovia, on Lake Constance not far from St Gallen. From an early age he went to a school of book-binding and then did his apprenticeship while attending the school of graphic arts at St Gallen. Evidently fascination with the printed word was being incubated in his spirit and this appeared first during a visit to the Abbey Library at St Gallen. As he himself confessed: “That visit really amazed me and I was profoundly impressed by the accumulation of knowledge and the display of thousands of years of culture. There I caught the bug of an incurable addiction; the love of books and knowledge.”

This seems a story with all the ingredients of a pretty fairy story but, in reality, life keeps turning up surprises and some times one’s path takes an unlooked for twist.

In fact, instead of diving into a sea of exotic print, of revelling in the scent of fine leather or of being bewitched by the feel of parchment, Josef Weiss found himself at the beginning of his career obliged to deal with situations and tasks a long way from the world of fine printing. Josef doesn’t like to go into detail about this period of his life but I think it is important to understanding his personaiity.                               It is enough to know that his first job was as a manager.                               

At only just over twenty years old, he was assigned the creation from scratch of a factory to make insulated cases for Coca-Cola! Given the circumstances, most people would have turned down the assignment but not Josef Weiss. During this period, he learned what would become a guiding principle for his life: to confront every problem with curiousity, to try to find out how to solve it and eventually to put the envisaged solution in operation. On the other hand, once the exercise was completed, the impulse of curiousity is gone because there is no more to learn; and so it was better to focus on something else. With this principle anchored in his head, it is no surprise that the factory turned out very well and everything worked like a Swiss watch. 

In 1968 on behalf of a Swiss multinational, he opened a graphics studio at Vacallo near Chiasso. This was located close to the rich Italian market. The tricky thing was that Josef spoke only German and French, but not to worry; partly with a few hours of an Italian course but for the most part by intuition as babies learn their mother tongue, the language problem was overcome. Regardless of his work this was a happy period for Josef Weiss; he met Giuliana, a skilled and genial decorative artist, specialising in paper. From their marriage were born Roger and Manuel. As they grew up they followed in the artistic foot steps of their father by attending first the art school at Varese and then the Brera Academy of Fine Arts at Milan Milan. These days, Roger is an established arttst in photography while Manuel is a wood engraver who teaches in a secondary school.

But by now the letter press bug was incurable. After a brief parenthesis at Lake Constance between 1979 and 1981 when he was director of an office for a multinational, Josef Weiss decided that this was the moment to break the chains of dependency and become the boss of his own life and future. He himself declared: “I love my independence too much to follow orders in any institution.” In July 1981 he went back to Vacallo and in the same place where he had worked as an employee, he started his atelier for binding and book restoration with a clientele that has grown ever since.

In 1986 Josef Weiss moved from Vacallo to Bruzella, a mountain village in the Val di Muggio, a locality which I didn’t even know existed, but which he remembers fondly because it was there that he found everything that he had always wanted: peace, space, clean air and the opportunity to devote himself to his life long interests. And now in this mountain village he decided to take the big step – to become a publisher. Yes, because up to this point, I have spoken of Josef as book-binder and book restorer but with his new independence he could follow the whole process of realising a book, from its conception to its publication and, (why not?), to its distribution and promotion (even if this was the aspect that attracted him least). In fact in 1986 Josef Weiss published his first book from the Ascona Press, a publishing house he had established with a colleague from Ascona. Under this name he went on to published eight titles, each characterized by their magnificent printing, the skill in their binding and their art work.

The first was Herman Hesse’s Zwei Märchen with two water-colours by Frank Bruggisser and engraved by Giorgio Upiglio, 32 pages, completel bound in fine morocco with seals and a portrait of Herman Hesse created by Josef Weiss by an advanced technique of intarsio on the leather of the cover. This was a single edition of 80 copies from the press of Ireneo Nicora on Rives-Bütten paper, numbered and signed by the author. In summary, pure bliss! In the same style, there followed books by Rainer Maria Rilke and Honoré de Balzac, by Dürrenmatt and by Salomone, while also Unterwegs by Trude Stadler, a work nominated for the prestigious Felice Feliciano prize awarded annually at Verona.

Yet another note on logistics; the stay in the Val di Muggio, though remembered warmly, was not long: after three years, in 1989, Josef Weiss moved his operation to Mendrisio, a hop from Lugano, a step from the Town Hall and a jump from the house of Mario Botta, the famous Swiss architect.

After another three years, in 1992, Josef Weiss decided to leave the Ascona Press and to enter the fray under his own name: Josef Weiss Editions was born and its first publication was Dipsy Doodle by Henry Miller with three original coloured lithographs by Anton Würth, engraved by Walter Raffaelli, with 28 pages on Vélin- Rives 250 gm paper printed at Typostudio Schumacher und Gelber in Monaco with 72 copies signed by the artist with a half vellum binding. This publication was also nominated for the Felice Feliciano prize.

Since them many other publications have issued from the press of Josef Weiss though most are out of print. But you can readily find a lot of information in the elegant historical catalogue Books with character–21 years of joy in making books, which lists all the publications from 1986 to 2007. Here you can trace the various series created over the years by Josef Weiss: Poesia Meandro, Enchiridion, Clandestins and Dîvân. And I would like to emphasise Dîvân. The idea of Dîvân, derived from Goethe as an attempt at dialogue between West and East (it sounds, perhaps, even more relevant today?) was implemented by Josef with a simple device of linking pages concertina style to symbolize the idea of a bridge and of communication.* The aspect that intrigues me the most, is that finally he succeeded in managing the last element needed for him to control the whole process: to print his own publications – the icing on his cake. Dîvân is a personal and intriguing intellectual project; today the collection has more than 40 titles, each a print run of 33 copies on fine paper and contents from the most diverse artists and writers from all over the world. 

Josef Weiss works in a way that might be considered a little naive. As he says himself, “… my work as editor is a bit different, one goes along without definite programmes, I can say that for the most part, I stumble into my projects. Some artist or writer comes in, then we get to know each other, we talk together and a new publication is born.” This calls to mind the approach used by Alberto Casiraghy of Edizioni Pulcinoelefante; Josef and Casiraghy shared thoughts and ideas and inevitably became close friends at the end of the 1980s.

Explosive, an extrovert, a brilliant raconteur, Josef has the enthusiasm of a child that knows how to create fascinating toys and how to enjoy them. In front of a beer in the bar that separates his workshop from the house of Mario Botta, we talk about our love of books and the time flies. I wonder to myself if and when he will want to quit, but I certainly don’t ask him, as I already know his answer.

Azione! 

 

Translated into English by Marco Sonzogni and Robert Lowe

 

Meeting Josef Weiss is like finding the purest of pearls in the polluted ocean of commercial publishing. His contagious love for, and infinite knowledge of, fine printing – from paper to typeface to design to binding – lifts writing and translating to another level: absolute art. And Josef gives you no other choice but to follow him in the pursuit of pure perfection – the only language he is prepared to speak.

 

Marco Sonzogni, author and translator 

Victoria University of Wellington, New Zealand

 

 

 

 Italian Version:

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

 

 

Josef Weiss, ovvero dalla Svizzera con amore

(per la bella carta stampata)

 di Giorgio Matticchio

 

Azione! Azione! Azione! Se una serie di cartelloni pubblicitari vi perseguita con questa esortazione al movimento, non spaventatevi, molto probabilmente state viaggiando in quel delizioso angolo della Svizzera Italiana meglio conosciuto come Canton Ticino. E la parola Azione! nasconde in realtà un significato ben lontano dall’ipercinetismo che verrebbe in mente a tutti noi italiani. Per gli svizzeri ticinesi Azione! significa semplicemente «sconti», «ribassi» o «saldi».

 

Perché vi sto raccontando questa piccola curiosità linguistica italo-svizzera? Il fatto è che mi sto recando a Mendrisio, località poco lontana da Lugano, dove svolge la sua attività un personaggio molto conosciuto agli addetti ai lavori praticamente in tutti i paesi europei, ma anche oltreoceano, in Australia e Nuova Zelanda, ma di altrettanta difficile collocazione: rilegatore? restauratore di libri antichi? editore di raffinate edizioni d’arte? stampatore? Vediamo di chiarire chi è Josef Weiss, figura a tutto tondo nel mondo della carta stampata, perché di lui stiamo parlando.

 

Come si può facilmente evincere dal suo nome, Josef Weiss non può che nascere nella Svizzera di lingua tedesca, ed infatti questo gli riesce benissimo nel lontano 1944 a Romanshorn nel Canton Turgovia, un paese sul lago di Costanza non lontano da San Gallo. Frequenta giovanissimo la scuola di rilegatore e durante il periodo di apprendistato riesce anche a frequentare la scuola d’arte grafica di San Gallo. Evidentemente il “virus della carta stampata” sta covando nel suo animo e questo si manifesta in tutta la sua virulenza dopo una visita alla Stiftsbibliothek di San Gallo. “Quella visita – come egli stesso confessa – mi ha veramente stupito e profondamente impressionato per l’accumulo di sapere e come manifestazione di una cultura millenaria. Lì ho contratto un bacillo che mi ha provocato una malattia inguaribile: l’amore per i libri e la conoscenza”.

 

Sembrerebbe una storia con tutti gli ingredienti della bella favola, ma in realtà la vita riserva a volte delle sorprese e qualche volta la strada si fa più tortuosa di quanto sperato. Di fatto, invece di tuffarsi in un mare di carte esotiche, bearsi del profumo del cuoio e ammaliare il tatto con la ruvidità della pergamena, Josef Weiss si trova all’inizio della sua carriera a dover affrontare situazioni e compiti ben lontani dal mondo della carta stampata. Josef non ama dilungarsi molto su questo periodo, ma io lo ritengo importante perché aiuta a capire meglio la sua personalità. Senza entrare nei dettagli basti sapere che i primi lavori da lui svolti sono di tipo manageriale. Poco più che ventenne gli viene chiesto di rendere operativa, partendo da zero, una fabbrica per la produzione delle borse termiche della Coca-Cola! Viste le premesse, chiunque avrebbe declinato simili impegni, ma non Josef Weiss. In questo periodo viene maturando in lui quella che sarà una delle massime della sua vita: affrontare ogni problema con curiosità, cercare di capire i meccanismi che portano alla loro soluzione e infine mettere in opera quanto ideato. Scopre pure che, esaurito il compito, la molla della curiosità viene a mancare, non c’è più niente da imparare: allora meglio dedicarsi a qualcos’altro. Con queste idee ben salde in testa, nessuna meraviglia che la fabbrica venga fuori benissimo e tutto funzioni come un orologio svizzero!

 

Nel 1968 per conto di una multinazionale della Svizzera orientale apre uno studio grafico a Vacallo, nei pressi di Chiasso. Lo scopo è quello di essere più vicini alle richieste del mercato italiano. La cosa divertente è che Josef parla solo tedesco e francese, ma niente paura: in parte con qualche ora di corso di italiano, ma per lo più con il metodo intuitivo di apprendimento usato dai bambini per imparare la lingua materna, anche il problema della lingua è superato. Nonostante gli impegni di lavoro è questo un periodo felice per Josef Weiss: incontra Giuliana, esperta e geniale decoratrice di carte dai mille colori e dal loro matrimonio nascono Roger e Manuel. Crescendo, essi seguono le orme artistiche del padre frequentando prima il liceo artistico a Varese e poi l’Accademia di belle arti di Brera a Milano. Ora Roger è un valente artista della fotografia e Manuel, xilografo, insegna in una scuola media.

 

Ma ormai il virus della carta stampata è incurabile. Dopo una breve parentesi sul lago di Costanza dal 1979 al 1981 alla direzione di un ufficio della multinazionale per cui lavora, Josef Weiss decide che è ora di rompere ogni vincolo di dipendenza. e diventa padrone della sua vita e del suo destino. “Amo troppo la mia indipendenza per poter sottostare a qualsiasi istituzione” dichiara egli stesso. Ritorna a Vacallo e, negli stessi spazi che lo avevano visto lavorare come dipendente, inaugura il 1 luglio 1981 il suo atelier di di legatoria e restauro di libri con una clientela che cresce e si allarga con il passare del tempo.

 

Nel 1986 Josef Weiss si sposta da Vacallo a Bruzella, paesino di montagna in Val di Muggio, località di cui ignoravo bellamente l’esistenza, e che egli ricorda con nostalgia perché lì trova tutto quello che ha sempre desiderato: tranquillità, spazio, aria pura e la possibilità di dedicarsi ai suoi interessi di sempre. Ed è proprio in questo paesino di montagna che decide di compiere il grande passo: diventare editore. Sì, perché finora ho parlato di Josef come come rilegatore e restauratore di libri, ma è con l’acquisita indipendenza che egli può dare libero sfogo al suo desiderio di seguire tutto il processo che porta alla realizzazione di un libro, dalla sua ideazione fino alla sua pubblicazione e, perché no?, alla sua commercializzazione (anche se è l’aspetto che meno lo attira). Di fatto nel 1986 Josef Weiss pubblica il suo primo libro per i tipi della Ascona Press, casa editrice che egli fonda con un collega di Ascona. Con questo marchio pubblicherà otto volumi, tutti da godere per la magnificenza della stampa, la cura della rilegatura e le grafiche d’arte che li accompagnano.

 

Il primo è Zwei Märchen di Hermann Hesse con due acquetinte di Frank Bruggisser tirate da Giorgio Upiglio, 32 pagine, rilegatura in pieno marocchino con fregi ed un ritratto di Hermann Hesse in copertina eseguito da Josef Weiss con una tecnica molto sofisticata di intarsio su cuoio. Tiratura unica di 80 esemplari dai torchi di Ireneo Nicora su carta Rives-Bütten numerati e firmati dall’autore. Insomma, una goduria. Dello stesso tenore i volumi che seguono, da Reiner Maria Rilke ad Honorè de Balzac, da Dürrenmatt a Salomone, per non dimenticare Unterwegs di Trude Stadler, opera che viene selezionata nel 1993 per il prestigioso premio Felice Feliciano assegnato a Verona.

 

Ancora qualche nota logistica: la permanenza in val di Muggio, pur ricordata con nostalgia, non è di lunga durata: dopo tre anni, nel 1989, Josef Weiss sposta la sua attività a Mendrisio, a quattro passi da Lugano, a due passi dal Municipio e ad un passo dalla casa di Mario Botta, il famoso architetto svizzero.

 

Dopo altri 3 anni, nel 1992, Josef Weiss decide di lasciare la Ascona Press e di buttarsi nella mischia con il suo nome: nascono le Josef Weiss Edizioni ed il volume che le inaugura è Dipsy Doodle di Henry Miller con tre litografie originali a colori di Anton Würth tirate da Walter Raffaelli, volume di 28 pagine su carta Vélin- Rives da 250 gr. stampato nel Typostudio Schumacher und Gelber di Monaco in 72 copie firmate dall’artista, con una rilegatura in mezza pergamena.Anche questa pubblicazione selezionato per il premio Felice Feliciano.

 

Da allora molte altre edizioni sono uscite dai torchi di Josef Weiss, per lo più esaurite. Di esse si può trovare comunque copiosa fonte di informazioni nel prezioso catalogo storico “Libri con carattere, 21 anni nella gioia di fare libri”, dove sono riportate tutte le edizioni publicate dal 1986 al 2007. Qui si possono trovare le diverse collane create negli anni da Josef Weiss: Poesia Meandro, Enchiridion, Clandestins e Dîvân. E proprio su quest’ultima vorrei porre l’accento. L’idea del Dîvân, mutuata da Goethe come tentativo di dialogo tra occidente ed oriente (suona forse ancora attuale?), viene realizzata da Josef con semplici leporelli a fisarmonica che danno subito l’idea del ponte e della comunicazione, inoltre, e questo è l’aspetto che mi intriga di più, finalmente egli riesce a gestire l’ultimo tassello che ancora gli mancava per padroneggiare l’intero processo: stampare le sue opere, la ciliegina a suggello della sua deliziosa torta. Dîvân è un vero e proprio progetto intellettuale coinvolgente: ad oggi la collana ha superato i 40 volumi, ognuno dei quali stampato su carta pregiata in 33 esemplari e ad essi hanno contribuito le più diverse personalità artistiche e letterarie di tutto il mondo.

 

Josef Weiss ha un metodo lavorativo di procedere che potrebbe essere giudicato un po’ naïf. Egli stesso dice: «…il mio lavoro di editore è un po’ particolare, si svolge senza programmi precisi, posso dire che di tanto in tanto, inciampo in un progetto: un artista, uno scrittore viene, poi ci si conosce, si parla insieme e nasce una nuova pubblicazione». In questo ricorda molto l’approccio usato da Alberto Casiraghy delle Edizioni Pulcinoelefante, che inevitabilmente conoscerà alla fine degli anni ’80 per diventare poi suo amico e sodale per affinità di pensiero e di idee.

 

Vulcanico, estroso, brillante affabulatore, Josef ha ancora l’entusiasmo del bambino che sa creare giocattoli affascinanti e se ne compiace. Davanti ad un boccale di birra nel bar che divide il suo atelier dalla casa di Mario Botta parliamo del nostro amore per i libri ed il tempo vola. Mi chiedo se e quando avrà voglia di smettere, ma non glielo chiedo, so già la risposta.

 

Azione!!

 

COCLOPHON, giugno 2012